Cerca nel blog

Mobile Banner

Twitter

lunedì 24 novembre 2014

"MARITOZZI CON LA PANNA"

"Diffidate delle diete, una salute conservata con una dieta troppo severa è come una noiosa malattia" Montesquieu


Ed eccoci qua...In tanti aspettano questa ricetta e io sono orgogliosissima di scriverla e divulgarla! Durante una puntata di Cuochi e Fiamme raccontai di questi enormi maritozzi con la panna che, a dire il vero, non mangio spesso, per di più li faccio sotto Natale. Ma dopo quella frase si è scatenato l'inferno! I "miei" seguaci, amanti della buona cucina si sono scatenati sui social, chiedendomi a gran voce la ricetta dei maritozzi. Ma, non avendo foto in archivio, ho deciso, con felicità di rifarli. Sono venuti veramente speciali, enormi, soffici e gustosissimi. E' stato bellissimo pubblicare le fasi della preparazione e vedere in quanti mi hanno scritto per farmi i complimenti... E' proprio vero che con il cibo si conquistano i cuori delle persone e io non smetterò mai di dire grazie a tutti coloro che si interessano della mia cucina, che mi leggono, che chiedono o danno suggerimenti! Ormai siamo in tanti e questa cosa mi rende davvero tanto orgogliosa!
Ma andiamo subito al sodo.....

INGREDIENTI:

500 GRAMMI DI FARINA MANITOBA ( + 200 PER AIUTARVI EVENTUALMENTE AD IMPASTARE, NEL CASO IL VOSTRO IMPASTO RISULTASSE TROPPO APPICCICOSO)
15 GRAMMI DI LIEVITO DI BIRRA 
100 GRAMMI DI ZUCCHERO (+ UN CUCCHIAINO)
250 ML DI ACQUA CALDA
2 UOVA
80 GRAMMI DI OLIO DI SEMI
1 PIZZICO DI SALE
LA SCORZA DI UN LIMONE
40 GRAMMI DI UVETTA
40 GRAMMI DI PINOLI
CANDITI (FACOLTATIVI)

PER FARCIRE:

PANNA FRESCA LIQUIDA
ZUCCHERO A VELO

Per prima cosa sciogliete bene il lievito con un cucchiaino di zucchero in metà dell'acqua calda. Nell'altra metà d'acqua calda incorporate l'olio, il pizzico di sale e la scorza di limone e mescolate.
Mettete a bagno l'uvetta in acqua fredda e appena ammorbidita (circa 10 minuti) strizzatela bene e asciugatela con un panno.

Mettete la farina in una ciotola assieme allo zucchero e versate il lievito sciolto all'interno. Impastate velocemente con le mani così da far assorbire il lievito alla farina. A questo punto versate l'altro liquido (quello con l'acqua, l'olio e la scorza) a filo, continuando ad impastare. Aggiungete solo i due tuorli all'impasto, gli albumi li userete dopo per spennellare i maritozzi.
Impastate vigorosamente e, se il vostro impasto risulta un po' lento e colloso, potete utilizzare un po' di quella farina che vi siete messi da parte. Aggiungete i pinoli e l'uvetta e continuate ad impastare. Ci vogliono almeno almeno 5 minuti prima che il vostro impasto diventi liscio e omogeneo. Se non l'avete finita, e pensate vi possa servire per migliorare l'impasto, usate ancora la farina che vi ho fatto aggiungere negli ingredienti.

A questo punto fate del vostro impasto una grossa palla e mettetelo a lievitare dentro una ciotola infarinata coperta da un panno per almeno 3 ore. Deve raddoppiare di volume. 4 ore sarebbero l'ideale.


Passato questo tempo, impastate ancora per qualche minuto e dividete l'impasto in 8/10 panetti dandogli una forma ovale. A questo punto, per gli amanti dei canditi è giunto il momento di aggiungerli. In ogni panetto mettete una piccola quantità di canditi misti e impastate per farli assorbire bene. Io ne ho fatti 4 con i canditi e gli altri li ho lasciati solo con uvetta e pinoli

Prendete la teglia con cui cucinerete i maritozzi, rivestitela di carta forno e adagiatevi sopra i vostri panetti, distanziandoli tra loro almeno di un paio di centimetri. Coprite con il panno e fateli lievitare ancora 3/4 ore.

Prima
Il gioco è quasi fatto. Accendete il forno statico a 180°, spennellate con gli albumi avanzati i vostri maritozzi e quando il forno avrà raggiunto la temperatura infornate per 20 minuti...Anche 18 vanno bene! 
Mentre i maritozzi sono in forno, montate la panna con lo zucchero a velo e mettetela in frigorifero.
Una volta cotti, dovete avere la forza di volontà di lasciarli raffreddare...L'istinto è quello di dargli una dentata immediatamente.

Dopo
Quando saranno a temperatura ambiente, fate un'incisione al centro, apriteli leggermente a metà e farciteli con tutta la panna che desiderate! Inutile dirvi che questa farcitura la potete fare come più vi piace.....Nutella, miele, crema di castagne!!!! A voi la scelta!

Ora avete una missione.....RIFARE ASSOLUTAMENTE I MARITOZZI!!!!

Buona settimana amici!


















7 commenti:

  1. Valentina sono strepitosi! Bravissima!!! Io avrei messo una spolverata di zucchero a velo sopra alla fine...sai per non esagerare con le calorie ��. Complimenti!!!

    RispondiElimina
  2. Va be'... io sono a dieta e me li mangio con gli occhi!! :D Già così sono una goduria!! Complimenti! Mi fa piacere sapere che un po' alla volta tu abbia conquistato molti lettori, anche i più scettici verso le novità di Cuochi e Fiamme!

    RispondiElimina
  3. Viva il maritozzo pannoso, direi super pannoso. Li farò sicuramente quando i miei amici milanesi mi verranno a trovare e per questo ti chiedo, li hai mai surgelati? e se sì da crudi oppure già cotti? Grazie e buon tutto

    RispondiElimina
  4. Cara Valentina , sono ben felice che a Cuochi e fiamme sia finalmente arrivata tu perchè trovo che tu sia una persona che di cucina è appassionata veramente e che non ha paura di mettere le mani in pasta e sopratutto lo sai fare con maestria ...Finalmente a giudicare c'è qualcuno che oltre a "sapere" "FA" !!!

    RispondiElimina
  5. Che dire? si mangiano con gli occhi, figuriamoci se le mie mani finissero li sù! Che goduria, davvero!! Magari provo a farli appena torno in Puglia per le vacanze di Natale.. così li assaggiano un po' tutti a casa mia.

    Posso invitarti nel mio blog? Ho scritto in un post di una mia iniziativa, è iniziata ieri, giornata contro la violenza sulle donne. Chiedo a chiunque abbia un blog di cucina che si cucini qualcosa di un determinato colore e motivo questa scelta. Io ovviamente ho iniziato la raccolta di ricette con un "risotto in rosa… tutto per le donne" spero davvero che qualcuno inizi presto a inviarmi le proprie ricette da inserire nel post.
    Ti lascio il link, se hai voglia di dare un occhio, ne sarei molto felice e sarebbe per una cosa carina e per "solidarietà" http://fcomefornelliforchettaefarina.blogspot.it/2014/11/risotto-in-rosa-per-le-donne.html
    a presto, bacioni

    RispondiElimina
  6. complimenti!devono essere una vera libidine!ho sentito quando ne hai parlato in trasmissione e mi hai fatto venire una voglia matta di assaggiarli

    RispondiElimina
  7. Da provare... sei davvero brava in cucina... ma a magnare ancora di pià, come del resto tutti. :)

    RispondiElimina