Cerca nel blog

Mobile Banner

Twitter

lunedì 8 giugno 2015

"GAMBERI IN PASTELLA ALLA BIRRA CON MANDORLE"

"Complicare una ricetta è il modo migliore per mascherare la mancanza di talento di un cuoco" M. Bras

Questa è una ricetta semplice semplice che potete servire come antipasto o come uno stuzzichino gustoso durante una cena o un aperitivo. Farete una bellissima figura, questi gamberi rimangono croccanti fuori e morbidissimi dentro e se serviti con un bel bicchiere di vino ghiacciato avrete fatto bingo. Ho accompagnato al piatto un'insalatina di pomodori basilico e feta, condita con un filo d'olio extravergine d'oliva e del sale nero di cipro che crea un piacevole contrasto cromatico sul piatto.
Innanzitutto ringrazio lo staff di VINO75 per avermi consigliato questo ottimo bianco, un Gavi dell' azienda vitivinicola La Raia che produce vini piemontesi biodinamici di grande personalità. Ovviamente potete trovarlo su www.vino75.com
Detto questo vi premetto che la pastella fatta con la birra è una gioia assoluta, il colore e il profumo mi fanno impazzire, il fritto viene buono e saporito! Vi consiglio di provarla anche con le verdure!

INGREDIENTI:


GAMBERI ROSSI (CIRCA 3/4 A PERSONA)
UN SACCHETTINO DI MANDORLE PELATE INTERE

PER LA PASTELLA:

120 GRAMMI DI FARINA
MEZZO BICCHIERE DI BIRRA CHIARA
ACQUA
SALE
1 UOVO
2 CUCCHIAI DI OLIO EXTRAVERGINE

OLIO PER FRIGGERE

Per prima cosa pulite bene i vostri gamberi. Togliete testa e carapace e, mi raccomando, rimuovete con delicatezza anche l'intestino, il filo nero sul dorso del gambero e metteteli da parte.
Preparate la pastella. In una ciotola mescolate farina, olio, uovo e un pizzico di sale. Aggiungete la birra fino a che la vostra pastella non risulti bella densa e cremosa. Se vi accorgete che è venuta troppo densa aggiungete poco a poco qualche cucchiaio d'acqua.
Lasciate riposare la vostra pastella coperta con la pellicola per almeno mezz'ora.
In questa mezz'ora potete preparare l'insalatina di pomodori, basilico e feta. Ve la consiglio, è molto gustosa e leggera.
Dividete a metà le mandorle per lungo. Una volta mangiai dei gamberi mandorlati in un ristorante, erano squisiti, ma erano interamente ricoperti da mandorle in petali, perciò il sapore del gambero veniva coperto da quello della mandorla. In questo caso facciamo una cosa diversa, lasciamo le mandorle belle grandi, non si attaccheranno tutte al gambero pastellato, ma solo qualcuna quà e là, perciò alcuni morsi saranno mandorlati, mentre altri lasceranno il gambero come sapore principale in bocca!
Mettete a scaldare in un'ampia padella l'olio per friggere.
Quando l'olio avrà raggiunto la temperatura giusta per friggere, passate un gambero per volta prima nella pastella e poi tuffateli nella ciotola delle mandorle...Quello che si attacca si attacca, non siate troppo precisi.
E via a friggere.
Una volta belli dorati e croccanti scolate bene il fritto ed asciugatelo benissimo con della carta assorbente. Una delle cose che odio di più al mondo è il fritto unto!!!!
Mettete 3/4 gamberi vicino all'insalatina, una girata di macinino di sale nero di Cipro ( lo trovate tranquillamente al supermercato) togliete la bottiglia di vino dal frigo e godetevi il piattino....Sarà una meraviglia!
Mille baci

V.





Nessun commento:

Posta un commento