Cerca nel blog

Mobile Banner

Twitter

venerdì 23 maggio 2014

"BOCCONCINI DI CERVELLA FRITTI CON MOSTARDA DI CILIEGINE"

"Il cervello questo affascinante, meraviglioso, magico mondo tutto da scoprire...mi ha permesso, dopo alcuni esperimenti portati avanti con successo, di fare una scoperta sensazionale...eccezionale...unica...SI PUO' MANGIARE"!!!

Mi rendo conto che le frattaglie o interiora che dir si voglia non piacciano a tutti.....Fegato, rognone, coratella etc.....Ma sulla cervella c'è proprio una sorta di veto..."E' cervello!!!! Non si può mangiare, che schifo"!!!......Ma mi chiedo......Se mangi una salsiccia o un filetto, cosa c'è di strano nel mangiare tutto il resto?!?!
Ma bando alle ciance!!! Adoro la cervella fritta, adoro la mostarda e pubblico una delle ricette salate più buone del mondo!!!


INGREDIENTI:

1 CERVELLA ABBASTANZA GRANDE (VA BENE PER 2 O 3 PERSONE SE MANGIATO COME ANTIPASTO)
FARINA
2 UOVA
PAN GRATTATO
OLIO PER FRIGGERE
BURRO
SALE

Tagliate la cervella a bocconcini (fatevela pulire bene dal macellaio, così vi risparmiate una seccatura).
Infarinate i vostri bocconcini e metteteli da parte. In un piatto fondo sbattete bene con una forchetta le due uova e aggiungete un pizzico di sale. Passate i vostri bocconcini infarinati dentro l'uovo sbattuto e successivamente passateli bene bene nel pangrattato così da ricoprirli tutti.

Mettete abbondante olio per friggere e una noce di burro in grande pentolino e friggete i vostri bocconcini fino a che non saranno belli dorati.

Asciugateli bene con della carta assorbente, cospargeteli con un velo di sale e serviteli tiepidi con sopra, o a lato, un cucchiaino di mostarda di ciliegine.



Perchè la mostarda? Allora, diciamo che all'inizio è stato un esperimento.....Da quel giorno non ho mai più mangiato la cervella fritta senza!!! Provatela, è gustosissima!!! Il dolce della cervella e il piccantino della mostarda si sposano alla perfezione!!!

Provatela!!!

V.






giovedì 1 maggio 2014

"TORTA MARS"

"In cima alla catena alimentare c'e' la cioccolata" Anonimo


Ho mai pubblicato una porcata?!?!..............Si, eccome, ne ho pubblicate parecchie....Ero rimasta, forse, alle Oreo cupcake, ricordo di aver scritto che fossero una mega porcata. Bene......Credo che questa le batta di gran lunga! Avete presente il Ciocorì? Ecco.......Questo è un Ciocorì gigante, per di più fatto con barrette Mars sciolte e burro. L'unica cosa "sana" che si distingue in questa ricetta è il povero riso soffiato!
Non è da annoverare tra i più grandi capolavori di chef internazionali, ma, digitando su Google la parola "Mars", noterete con estremo gaudio che questa torta è annoverata in ogni blog di cucina che si rispetti! Non vedo perché non la debba pubblicare anche io!!! Ovviamente, anche questa, come molte altre ricette, è stata puramente scopiazzata qua e la.....Ma in fondo.....Di originale non ha proprio un bel niente, perciò rubo senza grandi problemi e con franchezza vi dico che è una delle massime godurie esistenti sul pianeta!!! In fondo la torta non è terrestre, ma è marziana!!! ;-) Ok, dopo questa battuta orribile direi che posso indicarvi i due facilissimi passaggi che ci vogliono per creare questa torta!!!
P.S. Pubblico un paio di fotografie solamente perché in realtà non ne ho fatte.....Non pensavo di pubblicarla....Ma poi la golosità a preso il sopravvento e ho deciso di condividere con voi la torta (se di torta si può parlare)!

INGREDIENTI:

7 BARRETTE MARS
80 GRAMMI DI BURRO
180 GRAMMI DI RISO SOFFIATO
1 BARRETTA DI CIOCCOLATO AL LATTE

Per prima cosa foderate una tortiera con la carta forno e mettete da parte un foglio di carta forno che vi servirà poi per rimodellare la vostra torta.
Molto bene, andiamo ad iniziare sciogliendo i Mars con il burro in un pentolino antiaderente. Una volta sciolte le barrette mischiatele velocissimamente con il riso soffiato..... I Mars tendono a ritornare solidi in pochissimo tempo....Si dice che sia per via del caramello che si risolidifica subito, io penso invece che sia proprio il Mars a ribellarsi e a voler tornare nella sua forma originale essendo sicuramente il capostipite degli ogm! Comunque......VELOCI!!!! In una ciotola mescolate i Mars sciolti e il riso soffiato fino a che quest'ultimo non è completamente amalgamato con il cioccolato. E' un'impresa alquanto ardua, ma ce la potete fare!!!
A questo punto versate il composto nella teglia aiutandovi con un cucchiaio di legno...Vi accorgerete che sarà abbastanza difficile spalmarla su tutta la teglia, ma non perdetevi d'animo, con un po' di pazienza riuscirete a spargerla nel migliore dei modi! Adesso, aiutandovi con un foglio di carta forno come fosse un guanto, livellate la torta con le mani, appiattitela e datele la parvenza di una vera torta bella liscia e regolare.
Mettete la torta in frigorifero circa un'oretta.....Questo passaggio è una precauzione, visto  e considerato che probabilmente i vostri Mars si sono già compattati, ma fatelo comunque.
Sciogliete a bagno maria la tavoletta di cioccolato e, quando la torta Mars sarà pronta, tiratela fuori dal frigo e decoratela come volete (Io ho usato la sac a poche e fatto delle righe) con il vostro cioccolato fuso che dopo qualche minuto ritornerà solido!
Ecco qui.....Adesso avete un dolce a cui, sicuramente, non saprete dire di no nella maniera più assoluta!
Buon viaggio!!!

V.

P.S. Quella che vedete dietro è la pastiera napoletana che, modestamente, era una figata pazzesca, ma non mi permetto di pubblicare alcunché perché sui vari siti di pasticceria che si rispettino trovate la ricetta completa e originale!